Anche quest'anno prende il via il Convegno Regionale rivolto agli insegnanti di Religione organizzato dalla Casa Editrice ELLEDICI in collaborazione con l'Ufficio scuola della Diocesi e con le Associazioni professionali Aimc e Uciim

Ecco la locandina

ConvegnoIDR2020

 

                                            COMUNICATO

Come AIMC, Associazione Italiana Maestri Cattolici, nella sua dimensione regionale, ci sentiamo particolarmente interpellati dalla nota del 27 novembre 2019 che l’Assessore all’Istruzione della Regione Piemonte ha inviato alle scuole.

Desideriamo pertanto esprimere qualche considerazione in merito.

  • La progettazione didattica nelle scuole è (o perlomeno deve essere) frutto di una sapiente armonizzazione tra indicazioni nazionali, lettura di contesto, disponibilità di risorse. Essa è frutto di scelte autonome dei singoli istituti scolastici che di essa devono rendere conto alle famiglie e agli studenti che le frequentano.E’ possibile e usuale che dal territorio giungano delle proposte o delle sollecitazioni, le più diverse, ma l’accoglierle o meno rimane scelta di competenza del mondo scolastico.
  • Siamo i primi a sostenere che la nostra cultura è intrisa di elementi che provengono dal mondo delle (volutamente al plurale) religioni e che quindi tali aspetti non possono essere ignorati. E’ sicuramente compito della scuola offrire ai ragazzi delle chiavi di lettura utili alla loro conoscenza, interpretazione e valutazione al fine di guidarli a scelte personali.

 CONSIGLIO REGIONALE AIMC PIEMONTE 

Il Consiglio Regionale dell’AIMC Piemonte riunitosi in data 26 aprile 2019, a Verrés, data lettura della lettera aperta al Ministro Bussetti del Forum Regionale per l’Educazione e la scuola del Piemonte e che segue, approva all’unanimità il seguente comunicato:

 Verrés 26 aprile 2019

La lettera aperta al Ministro Bussetti, che come AIMC, Associazione aderente al Forum Regionale del Piemonte, abbiamo sottoscritto e che alleghiamo alla presente, ci offre l’occasione di sottolineare ancora una volta che noi crediamo che la scuola sia “spazio privilegiato” per creare e per vivere nel quotidiano il tema dell’Inclusione per una serie di motivi che sono:
• Ogni persona ha diritto ad una propria identità e cultura e come tale va rispettata
• Chiunque è portatore di questo diritto ha il dovere della reciprocità nei confronti di chi è diverso da lui per cultura, religione, origini, capacità, come del resto recita la nostra Costituzione.
• L’incontro, il dialogo ed il confronto con l’altro, diverso da me, sono basilari per la costruzione del pensiero umano e la “storia” del mondo e del genere umano ne sono vive testimonianze
• Negare il valore dell’accoglienza e del dialogo è segno di chiusura individualistica che non conduce certo a miglioramenti sociali e culturali.
• Il contrario dell’ “Inclusione” è l’Esclusione, e noi non vogliamo sentirci e ancor meno diventare complici di comportamenti che conducono a sofferenze psicologiche, fisiche e morali.

RITENIAMO dunque che certe affermazioni, certe scelte, certi atteggiamenti dei vari responsabili politici del nostro paese siano da condannare e da stigmatizzare come antidemocratici e contrari al valore della “persona” e alla sua dignità,

e CI IMPEGNIAMO come Associazione e come singoli a non perdere occasione per riaffermare i diritti di tutti e non solo con le parole, ma con scelte quotidiane di accoglienza e di apertura, in primis, in quegli ambiti e in quei contesti che ci sono più propri come il mondo dell’Educazione e della Scuola.

 Il Presidente Regionale

Claudia Mossina

 La lettera del Forum la puoi leggere cliccando qui

 

Il consiglio regionale del Piemonte ha pensato quest'anno di organizzare un seminario dedicato agli insegnanti di Religione della scuola dell'infanzia e primaria della Regione.

Si terrà a Villanova d'Asti dal 9 al 10 luglio sotto la guida di Enrica Talà (teologa e docente di scuola Primaria)VolantinoVillanovairc2

Sul volantino potete trovare programma, note logistiche, costi e modalità per l'iscrizione

Vi aspettiamo

 Iscrivetevi direttamente a questo link:

https://forms.gle/LqB5Zm7E1grww4vT9

 

E' questo il nome di un tavolo interassociativo che si vuole occupare di Migranti e scuola, nato da circa due mesi su proposta di Franco Lorenzoni e a cui hanno già aderito moltissime associazioni del mondo della scuola ma anche del sociale tra cui l'AIMC. 

logosaltamuri Il nome che si è dato il tavolo (hanno già fatto due incontri e un terzo sarà nei prossimi giorni) è SALTAMURI: EDUCAZIONE SCONFINATA PER L'INFANZIA, I DIRITTI, L'UMANITA' e ha lanciato un Manifesto Pedagogico che trovate in fondo che presenta gli obiettivi che si pone e le azioni che intende svolgere. Innanzitutto intende raccogliere le iniziative che sono già in atto in molte delle nostre scuole, ma anche a proporre iniziative di formazione, di convegni, di eventi che approfondiscano questa tematica in quanto la scuola, soprattutto oggi, può costituire un'occasione di promozione e di coesione sociale.

Noi come AIMC Piemonte abbiamo aderito all'interno del Forum Regionale per l'educazione e la scuola, ad esso dedicherà la prossimo conferenza Regionale e invitiamo i territori a fare iniziative ad hoc. Suggeriamo e che il livello Nazionale si faccia carico di raccogliere tutte le belle esperienze che sapremo fare per portarle al tavolo che si è impegnato a fare da cassa di risonanza.

Manifesto pedagogico

 

Nazionale

Piemonte

© 2018 A.i.m.c. Piemonte - All Rights Reserved.
Free Joomla! templates by Engine Templates

Il nostro sito utilizza cookie a scopo statistico per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ti piacciono i biscotti?  I nostri sono "genuini": memorizzano solo dati tecnici.